THEFISTPHOTOS

THEFISTPHOTOS

Thefistphotos è un archivio di immagini, creato e curato da Francesca Seravalle, composto da fotografie raffigurante le mani. Nel profondo della ricerca manuale, viene focalizzato l’interesse su un gesto, il più iconico, ambiguo e versatile: il pugno e la sua polisemia. Per due anni Francescaa Seravalle ha ricercato e raccolto migliaia di pugni, archiviato le immagini creando 5 grandi categorie secondo gli studi di Ekman & Friesen (emblematico, illustratore, espressivo, regolatore e adattatore) e ha identificato circa 40 declinazioni del significato del pugno a seconda dell’uso del gesto, del tipo di informazione trasmessa, delle conseguenze, delle condizioni esterne, delle relazioni con il comportamento verbale, del livello di coscienza, dell’intenzionalità, del movimento, del contesto (paese, periodo, posizione relativa al resto del corpo) o al pubblico: personale o pubblico. Ha archiviato pugni di potere con significato politico, simboli di solidarietà e sostegno, forza, sfida, resistenza o vittoria, simboli di opposizione, gesti espressivi di aggressione, esultanza, paura, felicità, meditazione, autonomia, rimpianti, sofferenza, superiorità, minaccia , il gioco rock forbici di carta, rubare il naso, “il segno di fico”, bras d’honneur, saluto in egiziano, il pugno urto di Obama, unità di misura, riflessi usati mentre balla, tosse, rigor mortis, corsa, canto, guardando l’orologio, tolleranza al dolore, riflessi neonatali, ecc … Ogni immagine nell’archivio è considerata come una codifica del gesto, corrispondente a un atto non verbale con il suo significato. Quindi, in una seconda fase, i pugni sono associati in dittico, sequenze e un atlante usando immagini dall’archivio di pugno per relazioni metonimiche e iconologiche. Questo processo mira a dare una seconda riflessione, come lo studio del movimento e l’ambiente politico opposto (pantere nere, KKK, femminismo, comunismo, fascismo ecc …). Tracciando la storia delle recenti rivoluzioni e delle proteste,  che la storia del pugno chiuso a chiave politica può essere considerata più giovane della scoperta della fotografia stessa. Un pugno alzato apparve per la prima volta come un segno politico in un dipinto nel 1848 da Daumier che rappresentava una donna durante la Terza Rivoluzione Francese, fino a quel momento i pugni erano solo espressioni della natura umana. La prima volta che un pugno è stato usato come simbolo collettivo di solidarietà era opera dei lavoratori industriali del mondo (IWW) il 30 giugno 1917. Alla ricerca di importanti rivoluzionari del secolo scorso ho capito che le uniche immagini di Che Guevara e Lenin con i pugni chiusi sono quelli causati dal rigor mortis. In questo modo, le immagini della storia contemporanea sono organizzate secondo un ordine visivo piuttosto che cronologico, incentrate su alcuni argomenti e frammenti per entrare gradualmente nella semantica del pugno. Il pugno è uno dei gesti più semplici e umani che appartengono a qualsiasi cultura, una sorta di gesto ambiguo primitivo, più universale dell’alfabeto e dei numeri arabi, sperimentato da tutti anche dal neonato e allo stesso tempo la sua interpretazione può essere dura, soprattutto se decontestualizzato e se i pugni sono chiusi. Il progetto è in corso ed è incentrato sull’aumentata ambiguità di una fotografia sul web, quando un’immagine staccata da un testo acquisisce maggiori possibilità di incomprensione, specialmente quando è mobile senza alcuna informazione al contesto. Le prime foto saranno come immagini di grida silenziose in cui il messaggio e il contesto storico devono ancora essere trovati.

2018-09-06T00:45:56+00:00 6 settembre 2018|FIND OUT MORE ABOUT JURY|
error: Content is protected !!